incentivi fotovoltaico

Incentivi Fotovoltaico

Il fotovoltaico è sempre più popolare in Italia, Paese che in effetti, è baciato dal sole per molti mesi l’anno, e nel quale quindi è possibile risparmiare molto grazie all’installazione di pannelli solari.

Oltre alla questione economica, va detto poi che la sensibilità per le tematiche ambientali è, per fortuna, in costante aumento.

Le energie rinnovabili permettono di risparmiare e di rispettare l’ambiente, riducendo drasticamente il consumo di risorse esauribili, e l’immissione di inquinanti in atmosfera. Tutto bellissimo, ma dotarsi di un impianto fotovoltaico ha dei costi, che non tutti possono o vogliono sostenere. Per fortuna ci sono appositi incentivi, che è bene conoscere per poter prendere decisioni maggiormente consapevoli.

Che cosa sono gli incentivi per il fotovoltaico

In Italia lo Stato incentiva la diffusione del fotovoltaico, compatibilmente con le sue risorse economiche, non sempre, va detto, all’altezza della situazione.

Gli incentivi dello Stato Italiano di rivolgono a persone fisiche, giuridiche, enti non commerciali, soggetti pubblici e condomini.

Il programma che incentiva la produzione in conto esercizio di energia elettrica da fonte fotovoltaica si chiama “Conto Energia”. Il primo Conto Energia è entrato in vigore a settembre 2005.

Come funzionano gli incentivi per il fotovoltaico

Chi produce energia elettrica da fonte rinnovabile e non inquinante, attraverso pannelli solari, può accedere a dei finanziamenti statali per la remunerazione dei KWh (chilowattora) prodotti a un prezzo superiore rispetto a quello di mercato, per un periodo di vent’anni.

Quindi chi produce energia attraverso i propri pannelli solari non dovrà più pagare le bollette elettriche per un periodo di venti anni e incasserà un contributo, “incentivo finanziario statale”, proporzionato alla quantità di energia che riuscirà a produrre.

L’energia prodotta in eccesso, rispetto al consumo domestico, potrà essere rivenduta alla rete tramite il sistema grid connected.

tetto solare

 

Detrazioni Fiscali per il Fotovoltaico

Oltre al risparmio in bolletta, e alla possibilità di vendere l’energia in eccesso prodotta con il proprio impianto, ci sono anche altre forme di incentivo al fotovoltaico, tra queste le detrazioni fiscali.

ATTENZIONE: Nel 2015 chi desidera installare un impianto solare per la produzione di energia elettrica, non potrà più contare sugli incentivi statali.

L’ultimo Conto Energia (il quinto) è terminato il 6 giugno 2013 per via del raggiungimento della soglia massima di fondi disponibili, da allora quindi gli incentivi per il fotovoltaico sono terminati.

È prevista comunque l’entrata in vigore di un Sesto Conto Energia. Fino ad allora comunque i privati che vogliano installare un impianto fotovoltaico possono avvalersi degli incentivi fiscali per le ristrutturazioni edilizie.

Per acquisto e installazione di un impianto solare è prevista una detrazione fiscale del 50%, alla quale si somma anche una detrazione Irpef, sul 50% delle spese sostenute, fino ad un massimo di 96.000 euro.

Secondo quanto disposto dall’Agenzia delle Entrate, la realizzazione di un impianto fotovoltaico è equiparata a interventi finalizzati al risparmio energetico.

Incentivi Fotovoltaico 2015 e 2016

Gli incentivi al fotovoltaico del Quarto Conto Energia riguardano gli impianti entrati attivati nel periodo tra il 31 maggio 2011 e il 31 dicembre 2016.

Nell’allegato 5 del DM 5/5/11 (Quarto Conto Energia), vengono presentate le tabelle con gli incentivi per gli anni 2011, 2012 e 2013. Ora, 2015-2016 le tariffe vanno invece calcolate come valore omnicomprensivo.

Questo significa che gli incentivi per gli anni dal 2013 al 2016 non saranno più erogati sul totale dell’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico, ma solo sulla quota di energia immessa in rete, quindi rivenduta al gestore, in quanto prodotta in eccesso, rispetto alle esigenze domestiche.

impianto fotovoltaico

Come funziona un impianto fotovoltaico?

Ormai gli impianti fotovoltaici sono molto diffusi, ci sono impianti aziendali di grandi dimensioni e piccoli pannelli sui tetti di molte case, che permettono di ottenere energia elettrica, o di scaldare l’acqua, risparmiando energia, denaro, e cosa altrettanto importante rispettando l’ambiente.

Quella del sole è una fonte d’energia immensa e gratuita. Gli impianti hanno dei costi certo, ma sia acquisto che installazione e manutenzione, nel medio-lungo periodo si ripagano grazie al risparmio in bolletta, e alla possibilità di rivendere l’energia generata e non utilizzata.

funzionamento impianto fotovoltaicoInsomma l’energia solare è ormai una realtà nota e diffusa, e l’interesse per gli impianti fotovoltaici è in costante aumento. Non tutti però hanno le idee chiare su come funziona un pannello solare. Ecco quindi qualche semplice spiegazione in merito, così da fugare le vostre curiosità sulla materia.

I moduli fotovoltaici, in genere installati su tetti o zone assolate, assorbono i fotoni dei raggi solari e iniziano praticamente subito a convertirli in corrente continua (energia CC).

L’inverter converte la corrente continua in alternata (energia CA) adatta quindi all’uso domestico. L’elettricità prodotta in questo modo può essere utilizzata per alimentare luci o dispositivi, come i nostri elettrodomestici.

Quando si produce più energia di quella che ci serve per il consumo domestico, l’eccesso viene reimmesso nella rete elettrica. In sostanza lo vendiamo al gestore della rete, ottenendo un ulteriore risparmio.

In questo video altre spiegazioni sul funzionamento del fotovoltaico

Tra le domande alle quali si risponde nel filmato: cos’è un pannello fotovoltaico, come funziona, e cosa molto interessante, quanto costa e quanto dura.

Fotovoltaico fai da te

Se sei un mago del fai da te, o semplicemente ti piacerebbe sapere se è possibile realizzare da soli un impianto fotovoltaico per uso domestico, nel video seguente trovi alcuni spunti interessanti.

Come permettersi un impianto fotovoltaico

costo impianti solariSe il fai da te non fa per voi, ecco qualche consiglio per acquistare un impianto fotovoltaico. Esistono degli incentivi governativi per chi installa pannelli solari, ma molto dipende dalle disponibilità del momento, ed è bene essere pronti a mettere mano al portafoglio, per quella che non dovrebbe essere vista come una spesa, bensì come un investimento.

Oltre agli incentivi citati, esistono prestiti con tassi agevolati proprio per chi desidera “migliorare” il proprio immobile installando dei pannelli solari. Se cercate un finanziamento che vi aiuti ad intraprendere la vostra avventura nel fotovoltaico, chiedete informazioni alla vostra banca.

Un’altra strada percorribile, e molto interessante, è quella dei Gruppi di Acquisto Fotovoltaici, versione solare dei Gruppi di Acquisto Solidale.

Ricordate che “l’unione fa la forza”. L’idea alla base di questi gruppi è molto semplice, ci si mette assieme per ordinare più materiali e quindi ottenere prezzi maggiormente vantaggiosi. Si compra in gruppo per spendere meno, e si condividono idee ed esperienze. Per trovare un gruppo d’acquisto basta fare una rapida ricerca online.